mashette
sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Incredibile scoperta: pomodori ed asparagi all'arsenico. Sequestrati terreni. Si indaga nei mercati ortofrutticoli casertani
Immagine Incredibile scoperta: pomodori ed asparagi all'arsenico. Sequestrati terreni. Si indaga nei mercati ortofrutticoli casertani CASERTA - Pomodori ed asparagi irrigati con acqua proveniente da pozzi inquinati. E’ la scoperta effettuata dal Corpo Forestale che, su ordine della Procura, ha disposto il sequestro di un’area di circa 60mila metri quadrati in località Sanganiello a Caivano. Le sostanze ritrovate nell'acqua vanno dal Tetracloroetilene ai floruri, dai solfati all'arsenico fino alla manganese. Elementi la cui presenza andava molto al di là dei limiti fissati per legge. I prodotti coltivati venivano poi smerciati nei mercati ortofrutticoli di Afragola, Maddaloni e San Tammaro.