mashette
sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
La figlia del boss Amato si pente e smantella il clan di Santa Maria CV: 'Agguati ed estorsioni, ecco i retroscena'
Immagine La figlia del boss Amato si pente e smantella il clan di Santa Maria CV: 'Agguati ed estorsioni, ecco i retroscena' SANTA MARIA C. V. -  “Intendo rispondere e confermo la volontà di collaborare con la giustizia”. Con questa dichiarazioni resa al pubblico ministero Cozzolino il 26 aprile 2011 Rosa Amato, 38 anni inizia a rilasciare dichiarazioni fiume sul clan Amato di Santa Maria Capua Vetere. Ma Rosa Amato non è una semplice affiliata, bensì la figlia del capoclan Salvatore. Ed allora si capisce bene perché le sue dichiarazioni abbiano un peso specifico importantissimo nell’indagine che questa mattina ha portato all’emissioni di 41 ordini d’arresto. Interessante soprattutto il ruolo di Massimo Giannetti all’interno de gruppo. “Massimo Giannetti – afferma Rosa Amato - è cugino di Salvatore Amato, titolare del mobilificio “Giannetti” attualmente sito in Sant’angelo in Formis. Giannetti dopo aver avuto una lite con Vincenzo Consolatio e Fabio Del Gaudio, fratello di Manola, Sonia, Ferdinando e Masino, si era rivolto al cugino Salvatore Amato per organizzare una reazione anche sfruttando la antica rivalità e guerra tra le famiglie Amato e Paolella-Del Gaudio. Sono a conoscenza anche di una richiesta di intervento avanzata da GIannetti ad Amato contro i titolari di un negozio di infissi in Santa Maria Capua Vetere sito dopo l’arco di Capua conclusosi con degli spari contro le serrande del locale eseguiti da Francesco Perna detto O’Capocchione e Giovanni Paolella  nell’anno 2008”.