mashette
sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Rapina, arrestata una coppia di Maddaloni
Immagine Rapina, arrestata una coppia di Maddaloni MADDALONI - Alle prime luci dell’alba di oggi, i poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Maddaloni, al comando del Commissario Vito Esposito, si sono presentati alla porta della pregiudicata  Iolanda Gazzillo, procedendo al suo arresto, in esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Corte di Appello di Napoli, a seguito di una rapina posta in essere dalla stessa e da un complice, nell’anno 2010 ad un agricoltore di Caivano. La Gazzillo meglio nota negli ambienti malavitosi con il soprannome di “Maittone” dovrà scontare la pena di undici mesi e quattordici giorni di reclusione presso il carcere femminile di Pozzuoli ove è stata condotta dopo il suo arresto. Stessa sorte è toccata al pregiudicato Aniello Proteo che trovandosi agli arresti domiciliari in via Carmignano di Maddaloni è stato tratto in arresto dovendo espiare la pena di oltre cinque anni di carcere per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con il fratello Antonio.