sostienici noi

Un contributo volontario per sostenere chi, come Noi Caserta, sta cercando di cambiare il modo di fare informazione in provincia di Caserta. È su queste basi che abbiamo deciso di lanciare il "crowd funding", grazie al quale i nostri lettori, potranno finanziarie le inchieste, i reportage, le interviste che quotidianamente offriamo gratuitamente.

Una rivoluzione che mira, soprattutto, a dare sostegno a chi, come noi, ha deciso di dedicare la propria vita per permettere a tutti di essere sempre aggiornati, 24 ore su 24, su ciò che accade su tutto il territorio della provincia di Caserta.

Anche tu puoi aiutarci ad avere un`informazione dalle "mani libere" e rendere ancora più forte la nostra indipendenza utilizzando il tasto sottostante “donazione”. Il tutto nella massima sicurezza , utilizzando il circuito di transazione garantito PayPal.

Bastano pochi click per essere liberi.

1.Non ho Paypal e non voglio usare carta di credito. Come faccio a sostenervi?

Se non sei in possesso di un conto paypal e non hai una carta di credito (o preferisci non usarla), invia il tuo contributo è ugualmente semplice ed immediato.

Ti basterà infatti effettuare un bonifico a "Associazione Arsenali Culturali"
IBAN IT 19 E 07601 14900 001008836833

2.Ci sono cifre massime o minime che si devono donare?
La donazione è libera.
Ognuno può donare secondo le sue possibilità
3.La donazione è anonima?
Si, se si sceglie di rimanere anonimi.
No. se lo si sceglie e successivamente verrà inserito in un elenco pubblico dei donatori.
4.Come verranno impiegate le donazioni?
Serviranno per sostenere le spese per far crescere l`informazione di noi.caserta.it, e retribuire coloro che vi lavorano.
Per qualsiasi alro chiarimento, scrivi a
crowdfunding@noi.caserta.it
Scuole: ecco tutti gli accorpamenti ed i nuovi istituti a Caserta, Mondragone, Sessa, Santa Maria Capua Vetere, Aversa e Castel Volturno
Immagine Scuole: ecco tutti gli accorpamenti ed i nuovi istituti a Caserta, Mondragone, Sessa, Santa Maria Capua Vetere, Aversa e Castel Volturno CASERTA - La giunta Provinciale di Caserta ha approvato stamani il Piano di dimensionamento scolastico, un provvedimento che ha dato vita ad un’importante operazione di riassetto dell’intero sistema dell’istruzione secondaria in provincia di Caserta. Molte le variazioni previste dal Piano, la cui approvazione giunge al termine di un lungo confronto con i Sindaci, i presidi e le forze sindacali del territorio. Alla fine si è riusciti a raggiungere un’intesa che tiene conto della storia e delle tradizioni di ogni singolo istituto della provincia. Tra le principali novità c’è l’istituzione a Mondragone del Liceo Musicale - sezione “Coreutica” (unica in provincia di Caserta); il conferimento dell’indirizzo “Sportivo” al Liceo Scientifico “Jommelli” di Aversa; l’istituzione a Villa Literno dell’Ipsar di Cesa quale sede distaccata dell’Alberghiero di Castel Volturno. Inoltre, è stato attribuito l’indirizzo “Odontotecnico” all’Itis “Volta” di Aversa e la sede distaccata di Trentola Ducenta del Liceo Scientifico “Fermi” di Aversa è confluita presso il Liceo Artistico “Giordano” di Aversa. Inoltre è avvenuto l’accorpamento del Liceo Classico “Cneo Nevio” di Santa Maria Capua Vetere con il Liceo Scientifico “Amaldi” della stessa città. L’Itis “Andreozzi” di Aversa ha conservato tutte le sue specificità, così come il Liceo “Manzoni” di Caserta, che mantiene tutti gli indirizzi, a partire dal Classico, come voluto dalla Provincia di Caserta. A Sessa Aurunca si registra la fusione tra l’Isiss “Taddeo” e l’Isiss “Florimonte” presso il quale tra l’altro sarà riattivato anche l’indirizzo agrario. Lo stesso indirizzo sarà attivato presso la casa circondariale di Carinola. Da registrare, poi, anche la fusione tra il Liceo Artistico di Marcianise e l’Itis “Ferraris” della stessa città. La sede distaccata del Liceo “Nifo” di Sessa Aurunca, inoltre, è stata attribuita al Comune di Falciano del Massico. Prevista infine l’accorpamento tra l’istituto tecnico “Bachelet” e l’Isiss “Majorana” di Santa Maria a Vico. “E’ stato un lavoro complesso – ha spiegato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi – ma che alla fine ha portato a risultati importanti e condivisi. Era prioritario per noi tutelare l’interesse degli studenti e rispettare la storia, la tradizione e le specificità di tutti gli istituti superiori della provincia di Caserta”.